Il borgo di Bienno in Val Camonica: una piacevole scoperta!

Posted on

 

Bienno cosa vedere in uno dei borghi più belli d’Italia.

Saranno diversi anni che riceviamo l’invito, da parte di nostri amici, di andarli a trovare in occasione della Mostra Mercato Arte&Mestieri che si tiene nel loro paese, a Bienno Val Camonica. Marika e Gianmarco li abbiamo conosciuti in un viaggio in Sardegna nel lontano 2006 e in quel luogo è nata la nostra speciale amicizia (e da lì poi abbiamo fatto altri viaggi insieme 😉). Noi di un paese della provincia di Milano e loro che hanno la fortuna di avere una casa in uno dei “Borghi più belli d’Italia”. Dal 2010, Bienno, fa parte del club Borghi più Belli d’Italia e bandiera arancione, data da Touring, per Borghi italiani d’eccellenza.

Purtroppo ci separano un po’ di km non siamo vicinissimi, ma nemmeno lontanissimi. Dopo esserci conosciuti, ci siamo ripromessi di vederci e così è stato fino a quando non sono arrivati i nostri pargoli, ad un mese e mezzo di distanza. Prima lei, poi io. Proprio loro ci hanno fatto un po’ rallentare il ritmo (tra una malattia e l’altra) e così, decisi più che mai a spezzare questo “sortilegio”. Non ci saremmo persi per nulla al mondo questa edizione della Mostra Mercato. Ma soprattutto la possibilità di visitare il comune di Bienno e le sue bellezze. Eccovi il nostro itinerario a piedi.

Bienno Valcamonica
Casa del ‘400 “Casa Bettoni” in via Contrizio

Bienno cosa vedere: il borgo degli artisti

Bienno è un borgo medievale situato nella Media Val Camonica. Questa Valle, a pochi km da casa nostra, è inserita in un contesto meraviglioso. È circondata a Nord Est dal Parco dell’Adamello a Nord dal Parco dello Stelvio e a Sud dal Lago d’Iseo. Cosa volere di più di questi splendidi panorami?

Fin dall’antichità, proprio a Bienno, cominciarono ad arrivare i primi artigiani del ferro. Nelle fucine si scaldava e si lavorava il ferro sotto i colpi del maglio forgiando oggetti di ogni tipo. Qui si tramanda ancor oggi questo metodo di lavorazione per far rimanere vivo, di generazione in generazione, il lavoro in fucina.

Ora vi racconto il nostro itinerario e i miei suggerimenti, magari, vi possono essere d’ispirazione per poter visitare questo bellissimo borgo anche una volta finita la mostra perchè davvero ne vale la pena.

Via Ripa

Abbiamo cominciato la nostro itinerario incamminandoci proprio da via Ripa, vicino al parcheggio dell’auto. Si possono notare (qui e in altre viette) che i lampioni al posto del paralume hanno delle pentole in ferro molto caratteristiche, fatte dai fabbri del paese. Salendo verso il paese sulla destra troviamo le varie abitazioni mentre sulla destra scorre il fiume Grigna.

Bienno Valcamonica
Particolari delle vie di Bienno

Piazza Roma

Proseguendo lungo via Ripa si arriva in piazza Roma, dove troviamo l’omonima fontana monumentale. Piazza Roma è il cuore del centro storico di Bienno e su di essa si affaccia il settecentesco Palazzo Tampini.

Mulino Museo

Al Mulino Museo è d’obbligo la visita. Oggi è di proprietà della famiglia Tempini. E’ in funzione dal XV secolo ed è diventato una sorta di “museo”. Si può ancora vedere come viene prodotta la farina alla vecchia maniera. La ruota viene messa in funzione tramite il movimento dell’acqua e, di conseguenza, le macine di pietra cominciano a girare e a macinare ottenendo dell’ottima farina.

Bienno cosa vedere
Mulino Museo a Bienno
Bienno Mostra Mercato
Interno del Mulino Museo

Via Glere

Dopo la visita al museo proseguendo su via Glere ci si trova di fronte ad una casa molto particolare, di proprietà privata. Appesi ai muri perimetrali dell’abitazione si possono notare vari oggetti in ferro, dal più piccolo utensile al più grosso attrezzo di lavoro.

Bienno Valcamonica
Casa particolare in via Glere

Casa degli artisti

La casa degli Artisti si trova in via Re (percorrendo la via, prima di arrivare a questa casa, ci si imbatte in un antico lavatoio) ed è un vecchio palazzo rinascimentale a tre piani recentemente ristrutturato. Si può visitare e il progetto finale è di far diventare questi locali, un luogo di ritrovo e lavoro per vari artisti.

Bienno cosa vedere
Casa degli artisti

Le sette torri

Degne di essere citate sono le sette torri presenti nell’antico borgo medioevale noto come “castello”. Quelle più importanti sono Torre Avanzini, Torre Mendeni.

Chiesa di Santa Maria Annunciata

La Chiesa di Santa Maria Annunciata è situata al centro del borgo, in una parallela a via Contrizio. Fu costruita nel XV secolo tra vicoli stretti e altre case. All’interno si possono scorgere affreschi del Romanino.

Palazzo Simoni Fè

In fondo a via Contrizio si incontra questo palazzo del XV secolo. Negli anni passati è stato adibito ad asilo ora non più, si svolgono mostre.

Mostra Mercato Bienno
Particolare del soffitto Palazzo Simoni Fè

Parchetto giochi

Accanto al Palazzo Simoni Fè si trova un grande parco giochi dove il mio Andrea, assieme alla figlia dei nostri amici, ne ha fatte di ogni. Insieme si sono divertiti, stancati, così che nel tragitto di rientro verso casa abbiamo avuto un po’ di silenzio e tutti abbiamo “ricaricato le pile” 😉.

Bienno cosa vedere: la Mostra Mercato Arte&Mestieri

Come vi accennavo prima la Mostra Mercato si svolge a Bienno l’ultima settimana (intera) di agosto. Ogni anno migliaia di visitatori invadono le piccole viette del borgo rimanendo stupiti di fronte a tanta bellezza (ed è quello che è successo anche a me).

Bienno cosa vedere
Viette del borgo di Bienno

Quest’anno è giunta alla 26ma edizione. Il centro storico e le sue viette si animano facendo da cornice a questa splendida mostra. Camminando per il centro, con Marika che faceva da cicerone, mi ha spiegato che ogni anno accoglie circa 200 espositori provenienti da tutta Italia e dall’estero! Da Roma, Parigi, Vicenza molti giungono dalla Francia, avendo fatto gemellaggio con Saint Paul de Vence, e per alcuni mesi sono ospiti di Bienno per approfondire la loro disciplina.

La Mostra Mercato è conosciuta in tutto il Nord Italia per la sua qualità, è una delle mostre più belle e visitate d’Italia. Si potrebbe definire un “viaggio” tra diverse epoche e stili potendo ammirare nei cortili, nelle piazze e nelle vecchie cantine del borgo pittori, scultori o fabbri che lavorano, alcuni alla vecchia maniera, creando i loro oggetti.

Edizione dopo edizione è stato un crescendo sia di visitatori che di presenze artistiche. Infatti gli antiquari “storici” accolgono artisti e artigiani nuovi, che si presentano per la prima volta a Bienno, collaborando insieme perchè il loro motto è “l’unione fa la forza”! E questo si nota e si percepisce girando nel borgo, alla fine chi lavora bene è premiato! Quest’anno davvero è stata un’edizione dei record!

Piatti tipici della Valcamonica

Se si viene a Bienno è impossibile non assaggiare i Casunsei. Sono dei ravioli conditi con burro fuso, salvia e formaggio, da leccarsi baffi! Il dolce tipico è la Spongada, una focaccia dolce e soffice. Un altro piatto tipico è la Polenta, se poi fatta con la farina del vecchio mulino è ancora più buona! Io mi sono scorpacciata un piatto enorme di polenta e Zola!

Mostra Mercato Bienno
Mostra Mercato a Bienno

Bienno cosa vedere: il nostro parere

Avete letto quante meraviglie nascoste ha Bienno? È un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. Quindi prendete nota, segnatevi già ora questo appuntamento imperdibile per il prossimo agosto. Alla Mostra Mercato ci saremo, di nuovo, sicuramente!

Irene ▪ viaggi da mamme ▪

0 Comments

Leave a comment

Your email address will not be published.