La giornata della felicità: come e dove ricercarla

Posted on

 

20 marzo giornata della felicità in tutto il mondo

Care mamme, agenda alla mano, l’appuntamento è per il 20 marzo, quando in tutto il mondo si festeggerà la giornata della felicità.

La felicità la cerchiamo in continuazione, a volte l’afferriamo e a volte ci sfugge. C’è chi dice che non esiste. Chi la cerca tutta la vita. Chi la rivede negli occhi del proprio bimbo che ride. Nel ricordo di un giorno importante o di una persona speciale.

Sempre di corsa, giocando a tetris tra impegni e sentimenti. A volte ci fermiamo, ci chiediamo se siamo veramente felici.

No tranquille niente dubbio amletico ma la scienza ci aiuta. Scopro oggi di un’indagine Onu. Racconta che i più fortunati in quanto a Fil (Felicità Interna lorda) sono gli Svizzeri (sarà l’uso smisurato di cioccolata😅???!!!) seguono Islanda, Danimarca e Norvegia. Italia cinquantesima.

Tra i motivi di questa posizione, quasi da fanalino di coda, ci sono lavoro e soldi che si sa non faranno la felicità, ma l’aiutano. Ma attenzione sognatrici, parrebbe che anche diventare troppo ricchi non aiuti. Si rischia l’infelicità.
Per l’Australian Institute of Family Studies invece è solo a cinquanta anni che si inizia davvero a essere felici, quindi tutta la categoria under 50 non deve perdere le speranze, prima o poi ci arriverà.

I ricercatori dell’University College London (UCL) hanno addirittura sviluppato un’equazione utilizzata per calcolare la felicità di oltre 18 mila persone in tutto il mondo. I risultati hanno dimostrato che la felicità non riguarda soltanto ciò che accade attimo per attimo ma anche che le cose stiano andando meglio rispetto a quanto ci si aspetterebbe.

Se non rientrate fra tutte queste casistiche e non potete aspettare i mitici 50, state tranquille… la felicità si può anche imparare .

Il primo aiuto viene dai libri: chi legge ha un indice di happiness pari a 7,44 contro il 7,21 di chi non lo fa. E comunque male non fa…
A seguire lo sport, che oltre a rimettere in forma (già grande fattore di soddisfazione per noi mamme in fase post parto) aiuta la produzione di serotonina, banalmente chiamata “ormone della felicità”.
Se poi proprio non vedete la luce in fondo al tunnel non disperate, l’Accademia della felicità mette a disposizione corsi anche on line proprio per tutti. Se volete trovare un finanziatore potete tranquillamente chiedere al vostro datore di lavoro visto che è accertato che impiegati più felici e soddisfatti producono di più e meglio!

La giornata della felicità: la mia ricetta per esserlo

E allora come conquistarla? Come e dove ricercarla?

La giornata della felicità: come e dove ricercarla
La giornata della felicità: come e dove ricercarla

 

Se devo scegliere non saprei ma di sicuro un segreto c’è: non prendere la vita troppo sul serio, rende terribilmente infelici. Poi sorridere di più (al massimo vi aiuterà per le rughe!).

La vita è sicuramente fatta di alti e bassi, ma altrettanto sicuro è che guardare alla vita vissuta e a quella che verrà con positività attira felicità.

Perché secondo me la felicità è nascosta nella semplicità dei gesti quotidiani. Il bacio del buongiorno. Il bentornato che esprimono gli occhioni sorridenti dei tuoi bambini quando varchi la soglia di casa. Il bacio inaspettato di tuo marito mentre prepari la cena. Un abbraccio nel momento in cui ti senti esausta. La notizia di un’amica in dolce attesa, dopo una lunga attesa 😍.

Probabilmente solo ognuno di noi sa cosa rende davvero felice. Io vi confido gli ingredienti segreti della mia personale ricetta della felicità.

L’amore: sorridi, ridi, parla con le persone e, non aver paura di aprirti. Circondati di persone positive che ti amino…sono la tua ancora nei momenti difficili.

Non Dire sempre sì: qualche volta, per esser felici bisogna dire NO, e non permettere che le critiche ti comandino nelle scelte.

Godi dei successi, anche i più piccoli: così avrai sempre dei buoni motivi per sorridere.

Accetta te stessa: non tutto, sii quello che vuoi e combatti per questo ma senza dimenticare di accettare i tuoi limiti ed i tuoi difetti .

Aiuta gli altri: fare felici aiuta ad essere felici, come l’amore produce amore. Pensare al prossimo regala un un sorriso in più .

Ma attenzione un’avvertenza c’è, un segreto speciale. Felice è chi felice vuol essere.

E voi che ricetta avete?

Ilaria ▪ viaggi da mamme ▪

0 Comments

Leave a comment

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.