Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni

Posted on

 

Londra è una città immensa e bellissima. Recentemente, io e Andrea, l’abbiamo visitata in compagnia della mia collaboratrice e amica Valeria e di sua figlia (a breve seguirà post). Ma oggi, per Viaggi da Mamme, è mamma Chiara che racconta la sua esperienza nella città metropolitana. Eccovi tanti consigli per trascorrere una Pasqua a Londra con la famiglia.

Pasqua a Londra: programmazione e consigli

Durante le vacanze di Pasqua siamo partiti per Londra dove abbiamo soggiornato per tre giorni. Da molto desideravo portare i bambini in questa splendida città che offre davvero tanto, sia in termini storico/culturali sia per quanto riguarda le attrazioni moderne!

Prima di tutto è necessario dire che Londra non si vede in tre giorni, nemmeno in una settimana o due! Come faccio sempre prima di partire, mi sono documentata con l’aiuto della guida (Londra, 2018 Lonely Planet) e di Internet. Ho letto molte recensioni prima di scegliere l’hotel che potesse essere più adatto alle nostre esigenze, sia in termini di quartiere che di budget.

Ho suddiviso la pianta della città in tre macro zone, una per ogni giorno di permanenza, così da poter pianificare meglio le escursioni e naturalmente, ho scelto accuratamente cosa vedere a Londra con i bambini e cosa no, rimandando alcuni musei e attrazioni ad una visita futura.

Primo consiglio

Acquistate (anche on line qui), oppure alle macchinette presenti nelle stazioni della metro) una Oyster Card che vi permetterà di girare Londra su bus e metropolitane ad un costo più conveniente rispetto all’acquisto dei singoli tickets. Leggete bene le informazioni per la ricarica della carta perchè potete caricare per zone e per giorni. Oltretutto i bambini fino ai 12 anni viaggiano gratuitamente sui mezzi pubblici.

Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni
Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni

Secondo consiglio

Se potete, cercate di utilizzare i Red bus (tantissime le linee in città) piuttosto che la metropolitana, che vi permetteranno di vedere più quartieri, anche solo passando per raggiungere una coincidenza.

Pasqua a Londra: dove alloggiare

Veniamo ora all’albergo. Ho scelto di alloggiare con la mia famiglia in un hotel della catena Premier Inn, che unisce il comfort di un hotel al costo di un B&B risultando un’ottima opzione in termini di rapporto qualità/prezzo. Abbiamo scelto il quartiere di Bermondsey, situato nelle immediate vicinanze del London Tower Bridge e della comoda stazione di treni e metro di London Bridge.

La location è risultata molto silenziosa e a 50 mt dall’ingresso dell’hotel c’è la fermata del bus che porta nei quartieri più centrali. La nostra camera aveva una meravigliosa vista sullo Shard, il grattacielo dal profilo appuntito! Davvero un’ottima scelta.

Pasqua a Londra: 1° giorno

Il primo giorno ci siamo spostati nel quartiere di Bloomsbury per visitare, su richiesta di mia figlia di 10 anni, il mitico British Museum (ingresso gratuito). Vi basti sapere che questo museo è in assoluto la meta turistica più visitata in Gran Bretagna!

È davvero immenso ed il consiglio è quello di fare una visita mirata ai padiglioni e alle sale che più vi interessano, oppure di fare una visita guidata (in certi orari ce ne sono di gratuite). Sono disponibili audio-guide in italiano al costo di poche sterline e piantine del museo che vi aiuteranno a girare senza perdervi!

Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni
Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni

Dopo la visita al museo abbiamo percorso a piedi l’incantevole Charing Cross Road fino a Trafalgar Square (con classica foto di rito sui leoni, sotto la colonna di Nelson), passando per Covent Garden con i loro spettacoli a cielo aperto, Chinatown, e concludendo la prima lunga giornata in Piccadilly Circus, dove abbiamo cenato.

I golosi, come noi, non possono perdere il M&M’s Store, dove si potranno sbizzarrire nell’acquisto di svariati chili di confetti e noccioline colorate! Nel frattempo si è fatto buio e le luci di questa mitica piazza ci hanno incantato!

Pasqua a Londra: 2° giorno

Il secondo giorno ci siamo diretti verso Ovest con il bus. In prossimità del Westminster Bridge siamo scesi dal bus e abbiamo percorso tutto il ponte a piedi, ammirando il Tamigi, il London Eye (la ruota panoramica sul fiume) e tutto lo spettacolare skyline di Londra che si gode da questo punto della città.

Oltre il ponte si staglia l’imponente House of Parliament con la famosa torre del Big Ben (purtroppo in fase di restauro durante la nostra visita). Raggiungiamo l’abbazia di Westminster e, dopo un caffè da passeggio, anche Buckingham Palace, giusto in tempo per goderci il cambio della guardia (verificate bene gli orari e i giorni su qui). Vi consiglio di arrivare almeno mezzora prima dell’inizio del cambio, altrimenti rischiate di vedere poco perchè c’è sempre moltissima gente che si accalca sulle transenne.

I parchi di Londra

Al termine della parata, dopo aver ammirato le facciate di St. James Palace (una volta residenza dei Principi del Galles, Carlo e Diana), Clarence House (attuale residenza di Carlo e Camilla), Lancaster e Spencer House, ci siamo immersi in Green Park e, una volta attraversato l’Arco di marmo di Wellington, siamo entrati in Hyde Park.

La primavera è naturalmente il periodo migliore per visitare i meravigliosi parchi di Londra che offrono la fioritura dei daffodils-narcisi gialli che riempiono i prati cittadini. Hyde Park è il più grande dei London Royal Parks ed è di una bellezza disarmante. Non vi sembrerà nemmeno di essere in città!

Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni
Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni

Al suo interno, oltre ad un delizioso ristorante affacciato direttamente sulla Serpentine (un lago artificiale) e nel quale si mangia molto bene, troverete un noleggio di pedalò, monumenti commemorativi, la Serpentine Gallery (sede di esposizioni e mostre) e un memoriale dedicato a Diana, compianta Principessa del Galles.

Superato il parco e attraversata la West Carriage Drive, vi troverete direttamente nei Kensingtons Gardens, il parco tanto caro a Diana e che contiene al suo interno il Palazzo dove lei stessa alloggiò dopo il divorzio da Carlo.

Abbiamo percorso il sentiero che costeggia il lago, The Diana Princess of Wales Memorial Walk, e abbiamo incontrato la statua di Peter Pan (visibile anche nel film “Hook-Capitan Uncino”) dove i bambini si sono divertiti a fare fotografie. Intorno, scoiattoli e gazze ladre facevano a gara per rubarsi noci e noccioline, anche dalle mani stesse dei bambini, increduli davanti a tanta bellezza. Una vera meraviglia.

Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni
Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni

Raggiunti i “giardini all’italiana”, abbiamo preso la passeggiata sulla sinistra che costeggia Bayswater Road per raggiungere il Princess Diana Memorial Children’s Playground, un bellissimo parco giochi attrezzato, voluto da Diana stessa. Il parco giochi è di libero accesso (anche se recintato) ed è supervisionato da personale che ne garantisce l’accesso e il rispetto.

Camden Town

Ripercorriamo un tratto di Bayswater Road per tornare verso Lancaster Gate e prendere un bus che ci porti a Camden Town. Camden è uno dei quartieri più visitati della città. Nato da un agglomerato di bancarelle di vario genere, oggi il mercato si suddivide in precisi settori che vanno dall’alimentare, all’abbigliamento, allo street food. Vale una visita per alcuni negozi caratteristici e per provare specialità del posto a prezzi contenuti.

Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni
Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni

A fine pomeriggio riprendiamo la metro da Camden Town Station verso Waterloo (bellissima e immensa stazione con negozi e locali da non perdere), il nostro riferimento in zona hotel. Ne approfittiamo per fermarci a cenare in un locale che avevo intravisto dal bus il giorno prima (ecco perchè vi anticipavo di preferire i bus alla metro per girare!). Si tratta di una vecchia caserma dei pompieri ora adibita a bar e ristorante, davvero caratteristica!

Pasqua a Londra: 3° giorno

Il terzo giorno, abbiamo deciso di restare in prossimità dell’hotel, visitando la zona della Tower of London e della City dato che il ponte è davvero a pochi minuti a piedi. Nell’ultimo giorno di permanenza a Londra ci ha sorpreso un bellissimo sole e cielo terso, dopo due giorni di tempo nuvoloso, quindi ne abbiamo approfittato per girare a piedi.

Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni
Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni

Oltrepassato il Tower Bridge, che è davvero imponente e maestoso, raggiungiamo la Torre di Londra, incantevole e ricca di storia. Avevo già fatto i biglietti online (www.hrp.org.uk) e devo dire che è stato utile anche se a mattina presto non c’era alcuna coda alla biglietteria.

 

Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni
Pasqua a Londra con i bambini: itinerario di tre giorni

La Torre è suddivisa in settori; munitevi di una piantina e sarete facilitati nel giro. Dopo aver visto i famosi corvi e letto la loro storia, facciamo un paio di foto con i Beefeater, i guardiani della Torre, e iniziamo la visita delle sale, prima fra tutte quella dedicata ai gioielli della corona, da non perdere.

Subito dopo la White Tower, le sale degli armamenti, il museo dei fucilieri, il palazzo con richiami medioevali, le prigioni con le sale delle torture. I bambini erano incantati e anche un po’ spaventati dalla storia che si è consumata nelle prigioni.

Fantastica la parte della White Tower con molti giochi interattivi nei quali i bambini si posso cimentare! Usciamo dalla Torre di Londra e il sole risplende ancora, quindi decidiamo di proseguire con una passeggiata nel moderno quartiere della City fino alla Cattedrale di St. Paul, maestosa. Qui, riprendiamo il bus per Piccadilly Circus per gli ultimi acquisti e infine il bus che ci riporta in hotel.

Il volo di rientro per l’Italia ci attendeva ad Heathrow e il tempo impiegato con il treno dalla London Bridge Station al Terminal 2 è di circa un’oretta, quindi se siete in questa zona di Londra, calcolate le tempistiche giuste per evitare di correre.

Pasqua a Londra: il nostro parere

Londra offre davvero moltissimo. Nonostante abbiamo avuto giornate molto piene, preso infiniti bus, metro e consumato la cartina a furia di aprirla e chiuderla, abbiamo ancora molto da vedere. Andare Pasqua a Londra con i bambini si è rilevata un’ottima idea!

Sicuramente torneremo anche perchè ai piccoli di casa è piaciuta tantissimo e ne sentono già la mancanza.

Alla prossima.

Chiara

(Foto e testo di Chiara)

Sono Chiara, classe 1976, mamma super attiva di Beatrice, 8 anni e Matteo 5. Sono sposata con Davide da 10 anni. La mia più grande passione sono i viaggi. Ho “girato” in lungo e in largo in gioventù e ora, tempo permettendo, cerco di farlo con la mia famiglia. Sono fermamente convinta che i soldi spesi per un viaggio siano quelli meglio investiti. La mia frase del cuore è “Se vuoi viaggiare in prima classe, devi viaggiare con il cuore”.

0 Comments

Leave a comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.