Materiali cucine: ecco quali scegliere

Posted on

 

Materiali cucine: una guida per la scelta

La scelta dei vari tipi di materiali che compongono una cucina è senza dubbio un passaggio complesso. Tenete presente che scegliere la cucina giusta implica soprattutto conoscere i materiali della quale è costituita. Questo per comprenderne le qualità pratiche ed estetiche e per capire in che modo un materiale, piuttosto che un altro, possa influire sul prezzo totale di vendita.

In un post precedente l’argomento che ho trattato era come scegliere la cucina ideale ora, in questo, vi spiego quali materiali scegliere per le cucine. Una carrellata generale sui materiali utilizzati: per le strutture delle cucine, per le ante e per i piani di lavoro. Tutto ciò per rendere estremamente più chiaro e semplice come scegliere una cucina.

Materiali cucine: ecco quali scegliere -Cucina Formamentis, Valcucine-
Materiali cucine: ecco quali scegliere -Cucina Formamentis, Valcucine-

Materiali cucine: quali sono le categorie

I diversi materiali delle cucine, oltre ad influire in modo differente sul prezzo finale, ne determinano lo stile e la tipologia. Ecco le categorie di appartenenza:

-i materiali che costituiscono la struttura (le scocche o casse delle basi, dei pensili e delle colonne per intenderci)

-quelli dei frontali (le ante delle basi, dei pensili e delle colonne)

-i materiali del piano di lavoro (in gergo chiamato top, posizionato sopra le basi)

Materiali cucine: ecco quali scegliere -particolare top cucina Formamentis, Valcucine-
Materiali cucine: ecco quali scegliere -particolare top cucina Formamentis, Valcucine-

Materiali cucine: la struttura

La caratteristica principale che devono avere le scocche è sicuramente la solidità. Scegliere strutture che siano costituite da pannelli idrorepellenti e che abbiano un buono spessore è altrettanto importante per evitare infiltrazioni d’acqua. Devono inoltre resistere al calore del vapore acqueo elemento presente in questo locale della casa. Le strutture di basi e colonne possono essere dotate di meccanismi estraibili.

Materiali cucine: ecco quali scegliere -struttura cucina Valcucine-
Materiali cucine: ecco quali scegliere -struttura cucina Valcucine-

Materiali cucine: le ante

In generale i materiali più utilizzati per i frontali come base da rivestire sono, senza dubbio, il truciolare (pannello di particelle di legno grezzo), l’ mdf (pannello di fibre legnose a media densità utilizzato perlopiù per le ante laccate) e lo stratificato (composto da strati di fibre cellulosiche legati insieme da resine). Quindi il valore complessivo dell’anta lo si definisce sommando le caratteristiche della parte interna a quella esterna. Eccovi alcuni esempi delle finiture esterne delle ante:

Laminato

Sono pannelli di particelle di legno ai quali viene applicata, ad alta pressione, una finitura colore o una texture molto resistente composta da resine fenoliche o melaminiche il cui spessore è circa 0.6 mm. Diverso è il caso dell’anta della cucina Riciclantica di Valcucine che ha come spessore un pannello di 2 mm (in vari tipi di materiali compreso il laminato) e telaio in alluminio.

Materiali cucine: ecco quali scegliere -Cucina Riciclantica Valcucine-
Materiali cucine: ecco quali scegliere -Cucina Riciclantica Valcucine-

Polimerico

Materiale termoplastico, PVC, che viene applicato su un pannello in mdf rivestendo il frontale dell’anta e i quattro bordi. È un materiale estremamente resistente.

Laccato

Questa finitura è molto più delicata del laminato. La laccatura consiste in particolari vernici che vengono spruzzate sul pannello, generalmente, mdf. Oltre ad essere laccature in versione lucida o opaca su tutta la superficie (non si vedono giunzioni) si possono dividere in:

-laccatura a poro aperto quando si intravedono la venatura e i nodi, particolarità del legno.

-laccatura a poro chiuso quando la vernice copre interamente il pannello.

 

Materiali cucine: ecco quali scegliere
Materiali cucine: ecco quali scegliere

Impiallacciato

La superficie del pannello, internamente in mdf o particelle di legno, viene rivestito con il cosiddetto piallaccio o tranciato cioè un foglio millimetrico che si ottiene dalla tranciatura del tronco.

Il pannello può essere completamente bordato dello stesso materiale oppure con profili alluminio oppure con bordi ABS.

Vetro temperato

Le ante in vetro temperato, disponibili in tantissime colorazioni, hanno un telaio in alluminio (che può rimanere in alluminio o essere verniciato solitamente in color bianco o nero) e sono molto resistenti. Sono riciclabili al 100% e assicurano una facilità estrema di pulizia e resistenza a graffi e umidità.

Materiali cucine: ecco quali scegliere -Cucina Artematica Vitrum Valcucine-
Materiali cucine: ecco quali scegliere -Cucina Artematica Vitrum Valcucine-

Le ante in vetro temperato di 4 o 5 mm, oltre ad essere prodotte in diversi colori, possono essere incise con disegni ad intarsio.

Acciaio

Se penso alla cucina in acciaio la prima cosa che mi viene in mente sono le grandi cucine dei ristoranti. Da diverso tempo ormai si utilizza anche per le composizioni delle abitazioni sia per lavelli, piani cottura, top e ante perché è un materiale molto igienico.

Materiali Cucine: i piani di lavoro

Il piano di lavoro (top) in cucina è un altro step molto importante da decidere. La scelta ne determina la resistenza, funzionalità e durata della cucina.

Materiali cucine: ecco quali scegliere
Materiali cucine: ecco quali scegliere

Laminato

Materiale più economico. Il piano in laminato è composto al suo interno da truciolare rivestito con lamine colore oppure che riprendono l’aspetto di marmo, pietre e quarzi. Facili da pulire ma fate attenzione a non appoggiare mai pentole calde. Il calore non è amico del laminato.

Materiali cucine: ecco quali scegliere -campioni di piani in laminato-
Materiali cucine: ecco quali scegliere -campioni di piani in laminato-

Marmo e granito

Sono materiali naturali e piani utilizzati per cucine classiche e moderne. Il marmo è meno resistente del granito soprattutto alla corrosione degli acidi. Per capirci non lasciate un limone appoggiato sul piano in marmo per molte ore altrimenti vi ritroverete un’antiestetica macchia e il piano rovinato. Le venature del marmo sono molto raffinate ed eleganti.

Il granito è invece sinonimo di durezza.

Il mio consiglio è quello di verificare insieme al venditore quale tipo di pietra è adeguata all’utilizzo in cucina. Magari privilegiate quelle molto venate sulle quali è più difficile individuare macchie che si possono creare con l’utilizzo nel tempo del top della cucina!

Materiali cucine: ecco quali scegliere -campioni di piani in marmo e granito-
Materiali cucine: ecco quali scegliere -campioni di piani in marmo e granito-

Quarzo (sintetico tipo Okite e Silestone)

Il piano in quarzo è un materiale igienico, antibatterico e non poroso. Composto da una percentuale di quarzo naturale in maggioranza, da una percentuale minima di vetro e altri materiali. Si ottengono molte finiture diverse tra loro, davvero un’ampia gamma. Dai bianchi ai neri fino alle tonalità più sgargianti e vivaci.

Esteticamente molto bello ma anche funzionale con elevati standard qualitativi.

Materiali cucine: ecco quali scegliere -campioni di piani in quarzo-
Materiali cucine: ecco quali scegliere -campioni di piani in quarzo-

Vetro

Solitamente il piano in vetro è accostato a cucine moderne e hi-tech. Esiste una gamma estesa di colori ed essi non mutano nel tempo. Molto resistente agli urti, ai graffi, al calore e non teme l’umidità e non assorbe liquidi.

Acciaio

Il piano in acciaio può essere un blocco cucina nella zona operativa (lavello e fuochi) oppure un inserto di top o completamente tutto il piano. Molto igienico ma si graffia facilmente e, se non si asciuga l’acqua in tempi brevi, tende a formare macchie di calcare.

Esiste anche il piano di lavoro in Corian, molto pregiato, anche se oggigiorno si tende a preferire materiali più materici.

Informazioni utili per scegliere i materiali delle cucine al meglio

Ogni materiale che vi ho descritto ha pro e contro: nella diversa manutenzione (informatevi con il vostro rivenditore su che tipo di prodotti servono per la pulizia del materiale scelto e quali no), nella resistenza ai graffi e al calore.

Molto spesso nei vari marchi di cucina troverete il marchio Pannello ecologico. Questo sta ad indicare che i mobili sono stati realizzati con materiali al 100% riciclati ed ecocompatibili e prodotti attraverso processi con dispendio energetico basso.

Ultima consiglio fate attenzione che compaia la classe E1 nelle caratteristiche delle cucine. È la classificazione dei pannelli che sta ad indicare la conformità del materiale, come espresso dalle normative europee. Questa è la classe di emissione cioè significa che i materiali sono stati prodotti con un uso limitato di collanti che emanano nell’aria gas nocivi come la formaldeide.

Materiali cucine: il mio parere

Con i materiali delle cucine che vi ho descritto finora si possono creare infinite combinazioni. Soluzioni che vi verranno suggerite e prospettate dall’arredatore che terrà conto dei vostri gusti e delle vostre esigenze. Questo si può ottenere con qualsiasi marca o modello di cucina in commercio.

Il consiglio che vi lascio è: scegliete sempre i materiali cercando di creare un ambiente armonioso ma soprattutto considerate il fatto che la vostra cucina non dovrà stancarvi mai ogni volta che la guarderete.

Tutte le cucine rappresentate negli scatti di questo post potete visionarle presso lo showroom Perego Arredamenti Cernusco sul Naviglio (Milano). Consultate il sito www.peregomobili.com per avere ulteriori informazioni e i loro canali social sempre aggiornati (Facebook, Instagram).

Irene ▪ viaggi da mamme ▪ 

0 Comments

Leave a comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.