Ecomuseo Adda di Leonardo: passeggiata lungo il fiume da Porto a Paderno d’Adda

Posted on

Ecomuseo Adda di Leonardo: la passeggiata da Porto fino al ponte di Paderno d’Adda (o quasi)

Quella che voglio raccontarvi oggi è la passeggiata sull’Adda che comincia da Porto d’Adda e arriva fino a Paderno d’Adda. Una ciclopedonale che si trova in Lombardia vicino a casa nostra. Da quando è nato il piccolo Alessandro l’abbiamo esplorata diverse volte, tant’è che l’ho ribattezzata la nostra camminata del cuore. Non ve l’avevo mai descritta finora.

Percorrendo l’itinerario, che nel paragrafo successivo vi descriverò, non compirete solo una semplice passeggiata lungo il fiume ma vi troverete ad attraversare l’ecomuseo Adda di Leonardo da Vinci. Uno museo all’aperto!

Vedrete luoghi dove il grande genio creò invenzioni e dove studiò il corso delle acque. Tutto questo nel ventennio in cui visse a Milano (dal 1482) al servizio di Ludovico il Moro.

L’ecomuseo di Leonardo comincia da Imbersago e Villa d’Adda, passando per Paderno d’Adda, Porto d’Adda, Cornate d’Adda e giù fino a Trezzo e Cassano d’Adda. Un lungo percorso di 21 km all’interno del Parco Adda Nord.

Ecomuseo Adda di Leonardo
Ecomuseo Adda di Leonardo: passeggiata lungo il fiume da Porto a Paderno d’Adda

In questo post vi darò le informazioni necessarie solo sul tratto che noi abbiamo (quasi) compiuto a piedi da Porto d’Adda a Paderno d’Adda. Volendo potete anche percorrerlo con le biciclette.

Siete pronti a prendere appunti?

Passeggiata sull’Adda: da Porto al Santuario della Madonna della Rocchetta

Durante il percorso del fiume Adda, da Porto a Paderno, molti sono i luoghi da visitare. Ecco il nostro itinerario.

Le Centrali Idroelettriche

Se cominciate la vostra passeggiata da Porto in direzione Paderno d’Adda (il percorso si può fare anche in senso opposto) avrete due possibilità di parcheggio. Una volta arrivati a Porto ecco cosa potrete fare.

La prima: lasciate l’auto nella zona delle cascine dove termina la strada asfaltata e da qui proseguite a piedi seguendo le indicazioni per la Chiesa della Madonna della Rocchetta (scendete una stradina e vi troverete alla Centrale idroelettrica Bertini che sarà il vostro punto di partenza).

La seconda: proseguite oltre la strada asfaltata percorrendone una sterrata, questa vi condurrà ad un parcheggio. Vi troverete davanti alla Centrale idroelettrica Esterle, proprio all’inizio della ciclopedonale partendo però da Cornate d’Adda. Per arrivare alla Centrale elettrica Bertini, dovrete camminare per 15 minuti.

passeggiata sull'Adda
Inizio ciclopedonale da Cornate d’Adda

La Centrale idroelettrica Bertini è una delle più antiche centrali idroelettriche d’Europa ancora funzionanti e attiva da fine Ottocento. La Centrale idroelettrica Esterle venne costruita i primi del Novecento (sempre a Porto) con la funzione principale di supportare e potenziare la fornitura della Bertini.

passeggiata sull'Adda
Centrale idroelettrica Edison Bertini a Porto

Piscinette sull’Adda di Porto e sull’altra sponda Spiaggia Medolago

Poco dopo aver superato la Centrale Bertini, sempre costeggiando il fiume, troverete una piccola spiaggetta chiamata le Piscinette di Porto. Piscinette circolari artificiali, riempite con l’acqua che scorre dal canale verso il fiume e costruite con pietre raccolte sul posto.

Sulla sponda opposta del fiume, quella bergamasca, potrete vedere invece la Spiaggia di Medolago. In estate sono entrambe prese d’assalto per trovare un pochino di refrigerio alla calura.

Parco Adda Nord itinerari
Spiaggia di Medolago

Le conche del Naviglio di Paderno

Il Naviglio di Paderno è un canale artificiale parallelo al fiume Adda e si trova a Paderno d’Adda. Termina a Cornate d’Adda e fu ideato da Leonardo all’inizio del Cinquecento durante il periodo in cui fu ospite dei Conti Melzi a Vaprio d’Adda con lo scopo di poter effettuare la navigazione tra il Lago di Como e la città.

passeggiate sull'Adda
Il fiume Adda e il canale

Questo Naviglio è lungo 2.605 metri, il più breve tra i Navigli, ma il più complesso. Doveva superare un salto di quota di 27.5 metri abbattuti con la costruzione di 6 Conche (o 6 salti del Naviglio di Paderno): Conchetta, Conca Vecchia, Conca delle Fontane, Conca Grande o Conca Madre, Conca di Mezzo per via della centrale Bertini e Conca Adda.

Ecomuseo Leonardo
Chiuse nel canale
Ecomuseo Adda Leonardo
Ecomuseo Adda di Leonardo: passeggiata lungo il fiume da Porto a Paderno d’Adda

Furono sì ideate da Leonardo i primi del Cinquecento, ma la grande opera fu portata a termine solo quasi tre secoli dopo nel 1777.

Il Santuario della Madonna della Rocchetta

Il Santuario della Madonna della Rocchetta è situata vicino alla stazione dell’Ecomuseo Adda di Leonardo ed è collocato su uno sperone di roccia a picco sul fiume. Si trova nel comune di Paderno d’Adda ma fa parte della Parrocchia di Cornate.

Santuario Madonna della Rocchetta
Santuario Madonna della Rocchetta arroccato sullo sperone di roccia

È una chiesa del 1386 fatta costruire da Beltrando da Cornate, personaggio milanese facoltoso, e donata qualche anno più tardi ai frati dell’Ordine di Sant’Agostino. La chiesa venne eretta su antichi resti romani: una cisterna romana del V secolo e su fondazioni di abitazioni.

Nella prima metà del 1400 il fiume Adda segnò il confine tra il Ducato di Milano e la Repubblica di Venezia diventando luogo di molte guerre. I soldati milanesi occuparono la rocca al fine di controllare le mosse nemiche e di conseguenza i frati dovettero abbandonare la chiesa.

Ecomuseo di Leonardo
Chiesa Madonna della Rocchetta

Dopo anni di storia travagliata a fine Settecento la Rocchetta fu abbandonata. Oggi restaurata è la ventitreesima tappa del Cammino di Sant’Agostino. Sia la chiesa che i locali sottostanti, dimora dei frati che vi abitarono secoli fa, si possono visitare su richiesta.

Alla scoperta dei resti delle epoche passate prima della costruzione della chiesa

La Fortificazione Medievale

Oggi purtroppo rimane poco delle antiche strutture fortificate del castello alto medievale. Le mura difensive, costruite con i ciottoli del fiume, franarono a valle. Di certo la fortificazione era sviluppata su due livelli. In quello superiore si trovava una torre che venne poi incorporata nella chiesa.

Dalla fortificazione alto medievale si può godere di un panorama unico dal punto di vista naturalistico e geografico. Questo è il punto esatto dove il fiume Adda si divide dal Naviglio di Paderno. E troverete una statua di Leonardo che ve lo farà presente.

Ecomuseo Adda di Leonardo
Leonardo da Vinci e Andrea

Con molta probabilità nel 715 d.C. il castello si trovava in corrispondenza di un porto fluviale. Prima della fortificazione le merci dovevano essere portate a terra a causa delle rapide perché solo dopo il castello il fiume tornava ad essere navigabile.

La Cisterna – area archeologica del Santuario della Madonna della Rocchetta

Per raggiungere il Santuario dovrete salire una scalinata abbellita sui lati da palme. Una volta arrivati sulla sommità piana vi renderete conto che alla vostra sinistra, di fronte alla chiesetta, si sviluppa un’area archeologica. Nella zona centrale troverete i resti di una grande cisterna (capienza di 150 mc di acqua).

Ecomuseo di Leonardo
Scalinata per giungere al santuario
passeggiate sull'Adda
Ecomuseo Adda di Leonardo: passeggiata lungo il fiume da Porto a Paderno d’Adda

Realizzata, si presume, tra il V e il VI secolo d.C.  con la funzione di raccogliere acqua piovana. Dismessa alla fine del VI secolo a causa di un cedimento strutturale.

Santuario Madonna della Rocchetta
La cisterna

Dal Santuario al ponte di Paderno d’Adda: la camminata lungo l’Adda continua

Noi abbiamo terminato la camminata al santuario ma volendo si può proseguire la gita continuando lungo il percorso del fiume Adda in direzione Lecco.

Superato il santuario vi troverete poco dopo ad un punto di ristoro, lo Stallazzo. È una stazione dell’ecomuseo Adda di Leonardo che un tempo era utilizzato per il ricovero dei cavalli che trainavano i barconi. Si trova proprio sotto allo sperone di roccia. Qui potrete fare una sosta per poi riprendere la passeggiata sull’Adda.

Proseguendo verso Lecco sono altri due i punti panoramici da poter ammirare. Il primo sono i Tre Corni, tre grossi massi che sporgono dalle acque dall’Adda. Questo tratto di fiume, grazie alla sua particolarità naturalistica, ha ispirato il genio di Leonardo da Vinci dipingendo proprio i tre massi nel famoso dipinto “Vergine delle rocce”.

A quasi 3 km dall’inizio del percorso cominciato da Porto d’Adda, c’è un altro punto panoramico: il Ponte di Paderno. Un ponte ad arco costruito interamente in ferro e formato da un’unica campata. Davvero un capolavoro!

Questo tratto di ciclopedonale può essere percorsa in entrambe le direzioni cioè Porto/Paderno d’Adda oppure Paderno d’Adda/Porto.

Consigli utili per intraprendere la camminata lungo l’Adda

Il percorso segue il corso del fiume Adda ed è su strada in prevalenza asfaltata. È possibile effettuarlo in bicicletta o a piedi. Primo consiglio: vestitevi in modo pratico e indossate scarpe sportive.

A chi, come noi, è munito di passeggino faccio notare la presenza di un tratto di strada, quello che dal parcheggio di Porto vicino alle cascine conduce alla Centrale idroelettrica Bertini, abbastanza ripido e composto da sassi.

Se avete un passeggino resistente con ruote grosse, tipo quello da trekking, è meglio. Altrimenti vi consiglio la soluzione che abbiamo adottato noi. Chiudetelo e scendete piano piano a piedi con il vostro bambino per mano se già cammina oppure mettetelo in fascia/marsupio se piccino.

Passeggiate sull'Adda
Centrale idroelettrica Bertini a Porto sulla via del rirorno

Questa era, per noi, la terza volta in questa zona del Parco Adda Nord. Le prime due volte, entrambe in luglio, non siamo riusciti a completare la passeggiata per il caldo torrido nonostante fosse tardo pomeriggio!

Ecomuseo Adda di Leonardo: passeggiata lungo il fiume da Porto a Paderno d’Adda
Ecomuseo Adda di Leonardo: passeggiata lungo il fiume da Porto a Paderno d’Adda

Quindi un altro consiglio che sento di darvi è: portatevi da bere, qualche snack se avete dei bambini e scegliete il periodo più idoneo per compiere questa bella passeggiata sull’Adda.

In autunno con il foliage deve essere davvero bella o in primavera. In inverno copritevi per bene per proteggervi dal freddo e dall’umidità (come abbiamo fatto noi). Vi sconsiglio le ore più calde delle giornate in estate!

Il traghetto di Leonardo e la navigazione Adda

Il corso delle acque del fiume Adda viene solcato dal traghetto di Leonardo che collega Imbersago a Villa d’Adda, (a questo link “Gita sul fiume Adda con bambini” troverete la nostra esperienza da poter mettere in pratica con i vostri piccoli). Scorre da una parte all’altra del fiume sfruttando l’energia delle acque. Inoltre nel fiume naviga la cosiddetta Addarella che percorre i 12 km che separano Brivio e Robbiate.

Lo sapevate che il fiume Adda è navigabile?

Altre imbarcazioni partono anche da Trezzo e Vaprio D’Adda alla scoperta dei territori circostanti.

Ecomuseo Adda di Leonardo: il nostro parere

Come vi ho scritto in apertura del post questa è la nostra passeggiata del cuore. Vicina a casa e che pratichiamo quando abbiamo voglia di staccare la spina senza andare chissà dove.

Percorrendo questo tratto dell’ecomuseo di Leonardo vi sembrerà di fare un salto indietro nel scoprendo luoghi che lui stesso ha ammirato e vissuto.

Ecomuseo Adda di Leonardo: passeggiata lungo il fiume da Porto a Paderno d’Adda
Ecomuseo Adda di Leonardo: passeggiata lungo il fiume da Porto a Paderno d’Adda

Il fiume Adda mi conosce già dall’adolescenza quando venivo con amici a cercare un po’ di refrigerio lungo le sue sponde in estate e a prendere il sole. Lungo questo fiume ho scoperto molti altri luoghi e paesi da visitare: da Trezzo d’Adda, Vaprio d’Adda (proprio a Vaprio d’Adda si trova la galleria interattiva dedicata a Leonardo da Vinci perché il grande maestro passò anche da qui) e Cassano d’Adda.

Ma questo ve lo racconterò in un altro post. Vi interessa conoscere altre passeggiate sull’Adda? Scrivetelo nei commenti!

Irene ▪ viaggi da mamme ▪ 

 

0 Comments

Leave a comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.