Una giornata al MUSE di Trento con bambini

Posted on

 

Al MUSE di Trento con bambini

Abbiamo deciso di visitare il famosissimo museo, il MUSE di Trento, approfittando di un giorno un po’ nuvoloso durante la nostra piccola vacanza a Folgaria. Quale modo migliore per poter intrattenere un bimbo curioso come Andrea e sfruttare così il tempo al meglio?

 

Avendo trascorso dei giorni di villeggiatura presso l’Hotel Luna Bianca(***S), avevamo diritto alla Trentino Guest Card. Questa carta è la chiave per entrare gratis nei musei (e potevamo farci scappare una visita qui?!), castelli (siamo stati a Castel Beseno), parchi naturali, centri termali e tantissime altre attività compreso viaggiare gratis sui mezzi di trasporto in tutto il Trentino per tutta la durata della vacanza.

Innanzitutto il MUSE è il museo delle Scienze, il primo in Italia a riunire scienza, natura e tecnologia e ad analizzare i vari problemi che si presentano nella vita di tutti i giorni.

Una giornata al MUSE di Trento con bambini: quando andare

Prima cosa da fare, appena arrivati, è parcheggiare il proprio mezzo. C’è un comodissimo parcheggio al piano interrato, costo 2 euro all’ora.

Salendo al piano zero ci si trova la zona delle casse, l’ingresso e il Muse cafè area ristoro accessibile senza dover entrare al museo. Il consiglio intelligente che vi do per visitare il museo è di non scegliere un giorno piovoso (praticamente tutta Trento è lì, così mi hanno detto 😨) né i momenti di alta stagione.

L’ideale sarebbe andarci in un giorno infrasettimanale! Noi non potevamo scegliere giorno migliore, pur essendo agosto, e di sabato per giunta, non abbiamo fatto coda e non c’era nemmeno affollamento. Poi l’ulteriore nostra fortuna è stata la Trentino Guest Cardcome vi ho accennato precedentemente, e tutti e tre siamo entrati gratis. Quindi tempo di fare il biglietto, giusto pochi minuti, ed eravamo già all’interno.

Una giornata al MUSE di Trento con bambini: come visitare il museo

La visita al museo MUSE di Trento si può effettuare in due modi: prendere una guida oppure curiosando e leggendo da soli, facendo riferimento al personale sempre disponibile per qualsiasi domanda.

Tutto lo staff (lo riconoscerete indossa la maglietta rossa con il logo del museo 😉) è di notevole aiuto. Sono istruiti e pronti a rispondere a tutte le domande curiose. Davvero gentili e carini. Se vedono che c’è molto interesse ad un particolare argomento, si avvicinano e cercano di interagire con il bambino, stimolando così in lui la curiosità e l’intelligenza, ponendogli delle domande.

Per Andrea, ad esempio, uno di questi episodi è capitato al 3° piano nell’area del bosco delle scoperte (Discovery Room). Ci sono tronchi d’albero con tanti cassetti pieni di calchi di impronte di animali, resti ossei, e degli escrementi (racchiusi nelle teche eh 😉!) dei vari animali. Andrea era come impazzito di gioia nel trovare tutto ciò e completamente rapito ad ascoltare cosa la guida gli dicesse.

"<yoastmark

"<yoastmark

Un’altra trovata carina, per rendere sempre più partecipi i bimbi, è lo “zainetto dell’esploratore” (preso a noleggio al costo di 5 euro) dove all’interno c’è un binocolo, una lente d’ingrandimento, dei campioni di roccia, dei campioni di semi e un libretto dove i più grandicelli possono annotare le loro impressioni e i piccoli colorare.

una-giornata-al-muse-foto-9
Una giornata al MUSE di Trento con bambini – lo zainetto dell’esploratore –

Ma procediamo per gradi.

All’ingresso specificano di visitare il museo partendo dall’alto, quindi dal 5° piano e scendere via via. Poi ognuno può fare come vuole, noi abbiamo seguito il consiglio perchè di fondo c’è una logica.

Piano 5°

C’è una splendida terrazza panoramica, dove vengono coltivate diversi tipi di fiori e piante aromatiche, dalla quale si può vedere il parco sottostante e il palazzo “Le Albere”, una splendida costruzione del ‘500 nel quale si alternano diverse mostre. Ora c’è l’esposizione fotografica della “Guerra Bianca (Prima Guerra Mondiale), vivere e morire sul fronte dei ghiacciai” fino al 25 Settembre 2016.

"<yoastmark

Piano 4°

Da questo piano comincia il viaggio multisensoriale del MUSE. Si vive l’avventura tra i ghiacciai, si capisce il suo clima e gli organismi viventi. Addirittura si può toccare con mano la superficie di un vero ghiacciaio!

"<yoastmark

"<yoastmark

Piano 3°

Qui troviamo il labirinto della biodiversità alpina, gli adattamenti e le strategie di sopravvivenza da parte di animali, piante e la Discovery Room (quello che ho scritto precedentemente😊)

"<yoastmark

"<yoastmark

una-giornata-al-muse-fito-10
Una giornata al MUSE di Trento con bambini

 

Piano 2°

Geologia delle dolomiti, risorse del sottosuolo e rischi ambientali.

"<yoastmark

Piano 1°

La preistoria alpina, l’evoluzione dell’uomo e la sostenibilità.

"<yoastmark

Piano 0

Scienza interattiva,  Maxi Ohh.

Scienza Interattiva
Qui Andrea si è divertito davvero molto a provare tutte le postazioni interattive, sono semplici esperimenti che ti fanno avvicinare alla scienza in modo gioioso.

"<yoastmark

Area Maxi Ohh!
Questo è un altro spazio espositivo, oltre alla Discovery Room, dedicata ai più piccini dagli 0-5 anni e ai loro accompagnatori. È un luogo dove poter sperimentare in prima persona e i bambini sono liberi di guardare, toccare, annusare e ascoltare. Per accedere a questa zona bisogna fare un “piccolo” biglietto, 2 euro, ulteriore a quello dell’ingresso.

Piano -1°

Le tracce della vita, DNA e la Serra Tropicale.

"<yoastmark

"<yoastmark

"<yoastmark

Per completare la visita al museo tenete presente che ci vogliono almeno tre ore buone.

 

Una giornata al MUSE di Trento con bambini: non solo per bambini

L’impatto che si ha dal di fuori ammirando l’edificio, dove all’interno trova ubicazione il MUSE, è emozionante e interessante al tempo stesso. Non a caso chi l’ha progettato è Renzo Piano, un noto architetto attivo a livello internazionale. Ovviamente la mia è un’osservazione da addetto al settore 😉! È a dir poco spettacolare, con grandi vetrate, e richiama la forma delle montagne. L’area dedicata a questo progetto è l’area ex Michelin, ora invece denominata “Le Albere”.

Tutto è stato realizzato secondo severi principi di architettura ecosostenibile. Il progetto è stato concepito, e poi creato, per risparmiare energia. Non a caso è stato utilizzato un materiale, il legno, che proviene dalle foreste e quindi di per sé un materiale rinnovabile e riciclabile.

Una giornata al MUSE di Trento con bambini: informazioni utili

Per chi pensa che i musei sono noiosi, dove ci sono ambienti che ai bimbi non piacciono, vi dico andate e non ne rimarrete delusi! Anzi! Oltre ad essere stimolante per i bambini, questo museo si rivolge a persone di qualsiasi fascia di età. Si “tocca con mano”, si sperimenta e si impara, quindi si torna a casa con il proprio bagaglio culturale aumentato.
Per il mio Andrea è stata una giornata piena di emozioni, ed io e Simone eravamo felici nel vederlo così. Quindi vuol dire che abbiamo centrato la meta! Provare per credere!

 

una-giornata-al-muse-foto-14
Una giornata al MUSE di Trento con bambini

Il MUSE si trova a :
Corso del lavoro e della scienza, 3
38122 Trento
Trentino Alto Adige

Orari di apertura: da martedì a venerdì 10.00 – 18.00; sabato e domenica 10.00 – 19.00
Lunedi chiuso. Per chiusure festive consultate qui.

Il MUSE è privo di barriere architettoniche ed è accessibile ai passeggini. Sono disponibili a richiesta sedia a rotelle e marsupio porta enfant. I bagni sono dotati di fasciatoi per il cambio dei più piccoli.

I biglietti di entrata al MUSE si possono acquistare presso il museo oppure per evitare code è attivo un servizio di biglietteria on line
Per maggiori informazioni su costi dei biglietti www.muse.it

Buona visita!

Irene ▪ viaggi da mamme ▪

0 Comments

Leave a comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.