Alla scoperta dell’isola di Sant’Erasmo: l’orto di Venezia

Posted on

 

Gita a Sant’Erasmo Venezia chiamata anche Orto di Venezia.

Venezia mi ha affascinato fin dalla prima volta che ho messo piede in questa città. Mai, però, ho avuto occasione di visitare le restanti isole della laguna veneta come ad esempio Sant’Erasmo. Oggi Valeria ci racconta le ore trascorse con la sua famiglia proprio su quest’isola chiamata Orto di Venezia.

La laguna veneta racchiude delle grandi sorprese, una di queste è l’Isola di Sant’Erasmo Venezia. Quest’isola viene anche chiamata Orto di Venezia perché qui viene coltivata la maggior parte della verdura e della frutta che si trova nei mercati della città. Pur essendo la seconda isola per estensione dopo Venezia, ha pochissimi abitanti circa 700.

Passeggiando su quest’isola in mezzo a orti, frutteti, canali e qualche casolare sembra che il tempo si sia fermato.

Alla scoperta dell’isola di Sant'Erasmo: l’orto di Venezia
Alla scoperta dell’isola di Sant’Erasmo: l’orto di Venezia

La maggior parte dei turisti che si reca a Venezia (qui trovate il nostro racconto su cosa vedere in tre giorni nella città lagunare) si limita a visitare l’isola cittadina. Al massimo si spinge a Murano, famosa per la lavorazione artigianale del vetro, o Burano con le sue tipiche casette colorate. Sicuramente c’è tantissimo da vedere ma, se vi piace la natura e la tranquillità, in poco meno di mezz’ora potrete raggiungere anche l’Isola di Sant’Erasmo. Ci arriverete con il vaporetto numero 13 che parte da Fondamenta Nòve.

Come arrivare a Sant’Erasmo Venezia

Siamo stati a Venezia per il ponte del 1 maggio. Le giornate erano belle, il sole splendeva ma ancora non era eccessivamente caldo.
Dall’appartamento di Venezia (qui trovate il post) in zona Arsenale si raggiunge abbastanza in fretta la fermata del vaporetto Fondamenta Nòve. Direzione Isola di Sant’Erasmo. Ricordatevi che per arrivare a destinazione si deve scendere alla prima fermata chiamata Capannone.

Cosa fare all’Isola di Sant’Erasmo Venezia

La sera prima avevamo chiamato l’hotel Il lato azzurro. È un hotel e ristorante ma noleggia anche biciclette. Non sono proprio nuovissime ma ne trovate anche per bimbi di tutte le età. Hanno anche qualche seggiolino.

Dalla fermata di Capannone, per arrivare al noleggio delle biciclette, si devono percorrere 30 metri e superare i parcheggi che si trovano all’arrivo. A Sant’Erasmo circolano sì le auto ma sono ovviamente pochissime. Più che altro servono per il lavoro in campagna.

All’incrocio, si prende la destra e poi la sinistra per via dei Forti. Dopo circa 800 metri, “Il lato azzurro” è al numero 13. Sotto un tendone, nel grande giardino, troverete le biciclette.

Vi consiglio di prenotarle, basta una chiamata la sera prima, in modo che troviate sicuramente quello di cui avete bisogno.

Il giro in bici dell’Isola di Sant’Erasmo

Recuperate le biciclette avevamo fatto un giro per l’isola prima di pranzo. L’aria era tersa, il sole scaldava il giusto e si stava veramente benissimo. Pedalando, ricordo, ci piaceva guardare le case e i campi immaginando la nostra vita qui con ritmi completamente diversi dalla città.

Alla scoperta dell’isola di Sant'Erasmo: l’orto di Venezia
Alla scoperta dell’isola di Sant’Erasmo: l’orto di Venezia

Con la testa e il cuore leggero non c’eravamo neanche accorti di aver percorso metà del perimetro dell’isola. Visto che era quasi ora di pranzo avevamo deciso di tornare indietro per mangiare in un ristorante che si chiama “Al Bacan”. Si trova sulla punta dell’Isola dietro alla Torre Massimiliana, è un tipo di fortificazione militare di tipo circolare risalente al XIX secolo e utilizzata nei territori dell’Impero Asburgico. Non è visitabile, ma è molto particolare e subito riconoscibile. Le uniche esistenti in Italia sono cinque: una è qui e le altre quattro a Verona.

Dopo pranzo, c’eravamo rilassati un po’ giocando in spiaggia. In estate si può anche fare il bagno e prendere il sole. Molti veneziani arrivano qui con le loro imbarcazioni perché il mare è bello e la spiaggia è meno affollata che al Lido.

Alla scoperta dell’isola di Sant'Erasmo: l’orto di Venezia
Alla scoperta dell’isola di Sant’Erasmo: l’orto di Venezia

Isola di Sant’Erasmo: il nostro parere

La nostra gita si era conclusa riportando le biciclette al punto di noleggio e ritornando all’imbarcadero a prendere il vaporetto in direzione Venezia.

Un altro bellissimo luogo della Laguna Veneta è stato esplorato! Da consigliare a chi, come noi, ha bambini al seguito!

Alla prossima,

Valeria

(Foto e testo di Valeria)

Su di lei: Valeria, mamma della piccola Lara nata nel 2011, e moglie di Luca. Siamo appassionati di viaggi. Tutti e tre insieme abbiamo già visitato numerosi luoghi in Italia, in Europa e nel mondo ma c’è ancora tanto da vedere! Anche perché ai nostri programmi si aggiungono sempre nuove mete! Viaggiare mi permette di guardare la vita quotidiana con un’altra prospettiva. Perché come scrisse il grande Marco Aurelio “La felicità della tua vita dipende dalla qualità dei tuoi pensieri”.

 

0 Comments

Leave a comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.